10 days campaign for Pescara penitentiary

Help VIVIAMOLAq realize “la Città”, a DIY project with the detainees of the Pescara penitentiary

Viviamolaq + Boundaries

Time left to help realize this project

weeks
-12
-5
days
0
-1
hours
-1
-1
minutes
-3
-4
seconds
-4
0

Boundaries starts a 10 days campaing to help our friends of Viviamolaq fund their project for the penitentiary of Pescara.
The proceeds from the sales of Boundaries “Do-it-yourself Architecture”, in the next 10 days, until March 8, will be donated to Viviamolaq for the realization of the project.

To contribute, order Do-it-yourself Architecture online from Boundaries Bookstore

“Do-it-yourself Architecture” contains Viviamolaq project “Parcobaleno” for the victims of the 2009 L’Aquila Earthquake.

La città_carcere di Pescara, project brief:

«La filosofia del progetto è quella di aiutare il detenuto nel processo di responsabilizzazione perché autonomamente possa intraprendere un percorso di cambiamento, e favorire al massimo il suo processo di inserimento nella società.
Questo percorso nasce e si sviluppa nel carcere attraverso “la città”, ovvero uno spazio il più possibile simile a quello che è fuori e cioè uno spazio fatto di servizi (scuole, centri sociali, biblioteche, librerie, negozi, cinema, chiese, fabbriche, aziende …) e dove responsabilmente in base a regole condivise e riconosciute da tutti ciascuno fa la sua parte.
Il progetto prevede la realizzazione di uno spazio lavoro, uno spazio studio-formazione, uno spazio sociale-culturale, uno spazio studio creativo individuale, uno spazio hobby-svago. Cinque aree (tutte di formazione e recupero di valori) all’interno delle quali i detenuti, nei limiti imposti dalla sicurezza e secondo tempi e modalità concordate con l’amministrazione penitenziaria, potranno accedere e muoversi liberamente.
Ad ogni stanza/attività è stato associato un colore, scegliendoli distensivi e che richiamassero la natura. Nelle città i negozi si affacciano sul corso e richiamano la gente con le vetrine espositive. È stato quindi spontaneo per noi portare il colore fuori dalle stanze, sul nostro corridoio/corso, in modo da dare risalto agli ingressi. In corrispondenza di ogni porta abbiamo pensato ad un arredo integrato utile all’attività della stanza e a caratterizzare il nuovo Corso come spazio sociale.
Il progetto verrà realizzato in autocostruzione direttamente dai detenuti.»

For More information contact us at: subscriptions@boundaries.it
Or visit:
www.boundaries.it
viviamolaq.blogspot.it

back this project
2017-06-25T10:04:41+00:00